Escursioni


In questa pagina trovate tutte le escursioni organizzate della Commissione Escursionismo, dal Gruppo Seniores e dalla Commissione Culturale e Divulgativa per l’anno 2019.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre attività iscriviti alla newsletter

Inoltre potere godervi le foto delle passate escursioni già effettuate nel 2019.

Foto e i programmi delle escursioni degli anni passati: 2017, 2018


Le escursioni del 2019

 

There are no upcoming events.

 

Le escursioni già effettuate nel 2019

CANYON DEL BLETTERBACH E LABIRINTO LATEMAR

Da mercoledì 11 settembre 2019

A giovedì 12 settembre 2019

E - Auto

Alto Adige – Val D’Ega

Il primo giorno da Aldino si raggiunge il centro visitatori e si percorre il Canyon del Bletterbach fino alla cascata “Butterloch”. Il secondo giorno dal passo di Costalunga si raggiunge malga Latemar e si scende verso il labirinto del Latemar facendo un percorso in un immenso caos pietroso.

Dislivello: 1° giorno: +/-300 m, 2° giorno: +/-500 m
Coordinatori: Claudio Assolari – Tosolini Stenia (UD SEN – Gruppo Seniores)

scarica_pdfguarda_fotopulsante_iscrivitiv12

MONTE COGLIANS (FERRATA NORD) E MONTE RAUCHKOFEL

domenica 1 settembre 2019

EE/EEA - Auto

Alpi Carniche

esc_20190901_2Itinerario A: la via ferrata Nord del Coglians è considerata difficile. Nonostante l’attrezzatura eccellente rimane un itinerario impegnativo per dislivello e ambiente severoin cui si svolge. È richiesta quindi una certa esperienza e preparazione fisica. Nel tratto iniziale,dove il vuoto e la verticalità sono padroni assoluti, l’uso del cavo è indispensabile, mentre nel tratto centrale si cammina su detriti a tratti instabili. La lunga e aerea cresta finale che porta alla cima ci accoglie in un grandioso itinerario di alta montagna.

Itinerario B: facile itinerario escursionistico di notevole impatto visivo, il Rauchkofel si trova in territorio austriaco, situato di fronte alle imponenti pareti N del Coglians e Lastrons del Lago, la cui piramide verde, che fa da sfondo al cristallino lago, si presenta in tutta la sua bellezza appena valicato il passo Volaia.

Dislivello: +/-1430 m (A), +/-1100 (B)
Durata: 8 – 9 ore (A) – 6-7 ore (B)
Coordinatori: Tiziano Scarsini – Simonetta Degano – Marco Morassi – Antonio Nonino – Mauro Rizzo (UD – Commissione Escursionismo)

scarica_pdfguarda_foto

Itinerario A               Itinerario B
pulsante_iscrivitiv12 pulsante_iscrivitiv12

PICCO DI GRUBIA

giovedì 29 agosto 2019

EE - Auto

Alpi Giulie

esc_20190829 Picco di GrubiaDa Sella Nevea con la funivia raggiungeremo il rif. Gilberti. Da qui, seguendo il segnavia CAI 632, attraversando un enorme anfiteatro sovrastato dalle pareti nord dell’Ursic – Canin e Picco di Carnizza, raggiungeremo sella Grubia eil bivacco Marussig (2.040m). Proseguendo si arriverà a Forchia di Terrarossa e quindi alla Cima del Pic di Grubia, splendido spartiacque tra la val Raccolana e la val Resia.

Dislivello: +/-500 m
Durata: 6 ore
Coordinatori: Gildo Garlatti – Pietro Venier (UD SEN – Gruppo Seniores)

scarica_pdfguarda_fotopulsante_iscrivitiv12

DAL PASSO GIAU AL PASSO STAULANZA

domenica 11 agosto 2019

E - Pullman

Traversata dal Passo Giau al Passo Staulanza (Dolomiti)

esc_20190526

È una traversata con bellissimi e ampi panorami (anche detta la tappa delle 8 forcelle). Fa parte dell’alta via N° 1 che dal lago di Braies arriva a Belluno. L’escursione ha inizio dal Passo Giau (m 2.236) seguendo il sentiero n. 436, passando per Forcella di Zònia e Forcella de Col Piombin tra Col Piombin e il Monte Cernera scendiamo a quota 2.170m per poi salire alla Forcella Giau (m 2.360) tra la Ponta Lastoi de Formin e il Monte Cernera. Qui entriamo sul pianoro tra i bastioni diLastoi de Formin – Spiz de Mondeval e il Monte Mondeval dove si trova il sito archeologico della tomba mesolitica dell’Uomo di Mondeval. Ampio panorama su: Beco de Mezodì, Pelmo, Civetta. Scendiamo fino a quota 2175 per poi risalire alla Forcella Ambrizzola (m 2.277) tra Croda da Lago e il Becco de Mezodì, da dove ammiriamo la conca di Cortina e i monti che la circondano. Tenendo il sentiero 436, a sud, ci portiamo alla Forcella Col Duro e scendiamo alla Casera Prendera (m 2.148) e poi, per sent. 458, alla forcella de Col Roan (m 2.075) con vista sull’Antelao e per sentiero 467 alla Forcella Roan (1.999 m) per poi salire alla Forcella de la Puina (m 2.034) e fiancheggiando il Col de la Puina possiamo osservare verso est la Marmolada. Scendiamo al Rifugio Città di Fiume (m 1.918) per poi riprendere il sentiero 472 e, attraverso i ghiaioni del Pelmo e del Pelmetto, arrivare al Passo Staulanza (m 1.766).

Dislivello: +400/-700 m
Durata: 6 ore
Coordinatori: Olivo Ecoretti e Mirco Venir (UD – Commissione Escursionismo)

scarica_pdfguarda_fotopulsante_iscrivitiv12

BUS DEL BUSON e BRENT DE L’ART

giovedì 8 agosto 2019

E - Auto

Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

esc_20190808 Brent de l'ArtDue incantevoli forre, relitti fossili di fiumi glaciali dalle alte pareti.

Pur essendo delle forre di dimensioni ridotte, per la particolare forma e per la composizione degli strati calcarei marmorei oltre che per i caratteristici colori tra il rosso, il bianco e il grigio verde sono le più affascinanti dell’area, annoverabili tra i monumenti ecologici delle Prealpi Bellunesi.

Dislivello: +/-460 m
Durata: 6 ore
Coordinatori: Livio De Marchi (UD SEN – Gruppo Seniores)

scarica_pdfguarda_fotopulsante_iscrivitiv12

GRUPPO DELLE TOFANE – DOLOMITI

Da sabato 27 luglio 2019

A domenica 28 luglio 2019

E/EE/EEA - Pullman

Tofana di Rozes – Ferrata G.Lipella Tofane di pace e di guerra, fra leggende e fatti storici

esc_201907281° giorno:
Il Passo Falzarego (2.109 m) deriva dal ladino “fàlza règo” ossia “falso re”. L’appellativo si riferisce a un leggendario sovrano del Regno dei Fanes che avrebbe usurpato il trono al suo legittimo detentore e si sarebbe successivamente tramutato in pietra per aver ingannato il suo popolo.
Itinerario A: traversata dal rifugio Col Gallina al Col dei Bos per la via Ferrata Brigata Alpina (classificata moderatamente difficile) e discesa al rifugio Dibona. (difficoltà EEA – dislivello 600m – durata 6 ore)
Itinerario B: traversata dal rifugio Col Gallina per le Forcelle Travenanzes e Col dei Bos fino al rifugio Dibona. (difficoltà E – dislivello 600m – durata 6 ore)

2° giorno:
Le Tofane, situate nel Parco Naturale delle Dolomiti di Ampezzo, da sempre esaltano con la loro bellezza la conca di Cortina. La Tofana di Rozes con il suo profilo inconfondibile è un mondo incantato fra terra e cielo.
Itinerario A: dal rifugio Dibona per la via Ferrata Lipella (classificata moderatamente difficile); discesa per la via normale. (difficoltà EEA – dislivello 1150m – durata 9 ore)
Itinerario B: dal rifugio Dibona per comodo sentiero fino al rifugio Giussani ove per chi lo desidera è possibile fermarsi; quindi per la via normale (difficoltà EE) per placche e terrazze detritiche si raggiunge la cima. (difficoltà E-EE – dislivello 1150m – durata 9 ore)

Coordinatori: Maria Luisa Colabove – Manuel Masotti – Marco Morassi – Piero Pasquili – Michela Di Tommaso (UD – Commissione Escursionismo in collaborazione con la Sottosezione di San Daniele

 

scarica_pdfguarda_foto

  Itinerario A               Itinerario B
pulsante_iscrivitiv12   pulsante_iscrivitiv12

ALTA VIA – VETTA D’ITALIA

Da mercoledì 24 luglio 2019

A giovedì 25 luglio 2019

E/EE - Auto

Trentino Alto Adige – Dolomiti Orientali

esc_20190724 Vetta d' ItaliaL’Alta Via Vetta d’Italia è una delle più vecchie in Alto Adige, costruita nel 1903 conduce ancor oggi attraverso un meraviglioso paesaggio nella parte più a nord della Valle Aurina, ai piedi dei ghiacciai del Picco dei Tre Signori e del Pizzo Rosso di Predoi.

Il primo giorno raggiungeremo il Rifugio Tridentina. Il secondo giorno sono previsti due percorsi:
itinerario A – attraverso il sentiero “Via Vetta D’Italia” con difficoltà EE arriveremo direttamente alla cima (m 2.912)
itinerario B – partirà più tardi dal Rifugio fino a raggiungere il bivio del sentiero che porta in Vetta dove si ricongiungerà con il gruppo A per la discesa.

Dislivello:
1° giorno: +850 m
2° giorno: itinerario A +470 m/-1350 m.  Itinerario B +200 m/-1100 m
Coordinatori: Gildo Garlatti – Claudio Assolari (UD SEN – Gruppo Seniores)

scarica_pdfguarda_foto

TRAVERSATA DA PASSO SAN PELLEGRINO A MALGA CIAPELA

domenica 14 luglio 2019

E - Pullman

Dolomiti Fassane – Gruppo di Costabella

esc_20190714L’escursione proposta è altamente panoramica: parte dal Passo San Pellegrino e, valicando il Passo di Forca Rossa, lungo l’Alta Via dei Pastori si scende a Malga Ciapela. L’ambiente è meraviglioso e lungo tutto l’itinerario presenta vari aspetti naturalistici e paesaggistici, come i numerosi laghetti, i tabià (ex fienili di legno) di Fuciade e di Valfredda, lo sfasciume rosso delle Marmolade, i pascoli che si estendono a perdita d’occhio, i picchi dolomitici, il minuscolo villaggio di Franzedàs con i suoi antichi tabià che si dice abitati dai personaggi delle fiabe.

Dislivello: +600/-1100 m
Durata: 6 ore
Coordinatori: Marco Cabbai, Piero Pasquili e Nicola Michelini (UD – Commissione Escursionismo)

scarica_pdfguarda_fotopulsante_iscrivitiv12

PUANINA TOUR

giovedì 11 luglio 2019

E - Auto

Alpi Carniche

esc_20190711 Puanina TourPuanina è il nome con cui gli abitanti di Ugovizza, nel cuore della Valcanale, indicano l’alpeggio, la montagna dove sono ancora vive tradizioni secolari. Attraverso un percorso circolare si potrà compiere un vero e proprio viaggio lungo la tradizione delle malghe di Ugovizza. Attraverso boschi e prati fioriti raggiungeremo dapprima Malga Priu e quindi il Rifugio Gortani.

Dislivello: +/-500 m
Durata: 4.30 ore
Coordinatori: Gildo Garlatti – Daniela Biasutti (UD SEN – Gruppo Seniores)

scarica_pdfguarda_fotopulsante_iscrivitiv12

MONTE PIZZUL

domenica 7 luglio 2019

E - Auto

Escursione Naturalistica

esc_20190707 pizzulInteressante escursione Naturalistico/Culturale. Da Malga Pizzulper mulattiere e sentieri di guerra saliremo sulla vetta del monte Pizzul alla ricerca delle rocce tra le più antiche d’Italia risalenti all’Ordoviciano (circa 450 milioni di anni fa). Stupenda la vista a 360° che si gode dalla cima, in particolare verso Pontebba. Dalla cima ritorneremo a Malga Pizzul passando per casera Paluchian.

Durata: 5 ore
Coordinatori: Operatori Naturalistici e Culturali (UD CCD–Commissione Culturale e Divulgativa)

scarica_pdfguarda_fotopulsante_iscrivitiv12

 

Torna all’inizio