Cultura

ANTONIO FERUGLIO. DA BERTI A MARX: UNA VITA ARDIMENTOSA

Lunedì 10 maggio alle ore 16 si terrà la conferenza “Antonio Feruglio. Da Berti a Marx: una vita ardimentosa” di Giovanni Duratti, past president della Società Alpina Friulana nonché appassionato ricercatore di memorie dell’alpinismo friulano.

In questo caso riscopre la figura di un uomo che fece scuola, aprendo negli anni Venti la strada alla gloriosa tradizione dei fortissimi rocciatori udinesi come Celso Gilberti.

Antonio Feruglio (1896-1984) durante il fascismo fu perseguitato per il suo impegno politico, patì due anni di confino nell’isola di Lipari dal 1927 al 1929, fu fondatore e primo presidente della sezione di Udine dell’Uoei, l’Unione operaia escursionisti italiani, poi commissario della SAF dopo la Liberazione, vicesindaco della città e storico libraio della “Carducci” a Udine.

Giovanni Duratti è stato presidente della Saf per sei anni, componente del Corpo nazionale del soccorso alpino per ventisette e istruttore della scuola di alpinismo Celso Gilberti per oltre trenta. Si interessa di storia e di biografie di alpinisti friulani. La sua ricerca su Antonio Feruglio è durata un anno e si avvale di documenti e immagini d’epoca degli archivi locali, nazionali e della famiglia.

La conferenza si può seguire in streaming collegandosi al sito setemane.it