Cultura

38^ RASSEGNA DEL FILM E DEI PROTAGONISTI DELLA MONTAGNA

Inizio venerdì 4 febbraio 2022, con il documentario storico Mission Mt. Mangart alla presenza del regista e star Usa dello sci estremo Chris Anthony – L’11 febbraio Sergio Martini e i suoi 14 Ottomila, il 25 l’uomo dei deserti Max Calderan, il 18 il film The last mountain con Denis Urubko – Chiusura con The naked mountain sull’invernale al Nanga Parbat di Moro e compagni

***

Ritorna in presenza la Rassegna del Film e dei Protagonisti della Montagna organizzata dalla Società Alpina Friulana con il Dopolavoro Ferroviario di Udine. Cinque serate dedicate all’alpinismo, all’esplorazione e alla storia da venerdì 4 febbraio al 4 marzo. Quest’anno il festival cambia sede: non più nell’auditorium Menossi di Udine, chiuso per ristrutturazione, bensì nell’auditorium Elio Venier di Pasian di Prato, grazie al patrocinio del Comune e della locale sottosezione Saf-Cai.

Si comincia venerdì 4 febbraio con la proiezione del film MISSION MT. MANGART alla presenza del regista e protagonista Chris Anthony e con la partecipazione del videomaker friulano Mike Tessari, che ha collaborato alle riprese in Fvg, Slovenia, Toscana e Lago di Garda. Chris Anthony, celebre sciatore estremo statunitense e filantropo, racconta la storia della 10a Divisione di montagna Usa nata per combattere nella Seconda Guerra Mondiale, che nel 1945 organizzò una straordinaria gara di sci fra i soldati sulle Alpi Giulie. Il film viene presentato per la prima volta al pubblico in Italia ed è stato premiato come migliore documentario storico al Festival di Cannes 2021.

Venerdì 11 febbraio HIMALAYA MONTAGNE DEL CIELO. I 14 OTTOMILA, incontro con Sergio Martini, che ha scalato, secondo italiano dopo Messner, tutti i 14 ottomila senza ossigeno. Socio del Club Alpino Accademico Italiano, l’élite degli scalatori, racconterà in diretta con una proiezione “vintage” con diapositive in dissolvenza le esperienze umane e alpinistiche sulle più grandi montagne della Terra e la sua idea di alpinismo, silenzioso e lontano dalla spettacolarizzazione delle imprese. In dialogo con lui, Silvia Stefanelli, udinese, a sua volta accademica del CAAI, nonché esperta di questioni climatiche.

Venerdì 18 febbraio proiezione del film THE LAST MOUNTAIN di Dariusz Zaluski, è il racconto della spedizione invernale del 2018 al K2 guidata dal polacco Krzysztof Wielicki, che nel 1980 salì l’Everest per la prima invernale a un 8000. Il film documenta il salvataggio a opera di Denis Urubko e del compagno Adam Bielecki dell’alpinista francese Elisabeth Revol intrappolata a ottomila metri sul Nanga Parbat, una delle operazioni di soccorso più straordinarie della storia dell’alpinismo.

Venerdì 25 febbraio L’UOMO DEI DESERTI, incontro con Max Calderan, l’esploratore italiano noto per le sue imprese estreme tra cui le traversate desertiche in solitaria e in completa autonomia. Detiene quattordici record mondiali, tra i quali i cammini lungo la linea del Tropico del Cancro in Oman per 90 ore consecutive e di 360 chilometri in 75 ore in Arabia Saudita. Nel febbraio 2020 ha attraversato il deserto arabo del Rub’ al-Khali, chiamato Quarto Vuoto, il più grande del mondo, 1100 km di sabbia in 18 giorni. Al Jazeera gli ha dedicato il documentario Figlio del Deserto e in agosto è uscito negli Stati Uniti “Into The Lost Desert” sulla sua ultima impresa. Profondo conoscitore del Medio Oriente, dove ha vissuto a lungo, parla fluentemente l’arabo. Presenterà il suo libro La linea del deserto (Gribaudo)

La rassegna si concluderà venerdì 4 marzo con la proiezione del film THE NAKED MOUNTAIN di Alex Txikon. La “montagna nuda” è Il Nanga Parbat in lingua urdu, Diamir in sanscrito (montagna degli dei o re delle montagne) l’ottomila scalato per la prima volta in inverno da Simone Moro, dallo stesso Txikon, che firma la regia, e dal pachistano Ali Sadpara. Il film, che è appena uscito in Italia, racconta l’impresa entrata nella storia dell’alpinismo.

L’ingresso all’auditorium “Elio Venier” di Pasian di Prato è gratuito con registrazione, secondo le norme anti-Covid. Ricordiamo che per accedere in sala sono necessari Green Pass rafforzato e mascherina Fpp2. Prenotazioni sul sito della Saf alla pagina Eventi (www.alpinafriulana.it/eventi/).